MUSICAL

Puó nascere tutto così, per caso! Una canzone cantata per ridere, un’emozione sprigionata all’improvviso, la voglia di stare insieme. Tuffarsi in un sogno che si è sperato per tanto tempo, che si avverasse. Oggi quel castello costruito sulla sabbia tempo fa, poggia su solide fondamenta.

Abbiamo deciso di stare tutti insieme stretti in un abbraccio, stretti sotto un’unica stella: “Fuori Tempo”. Abbiamo posto nel fagotto tante sensazioni: gioia, amore, ansie, paure! Quest’ultime esplodono in un unico urlo di felicità…calcare tutti insieme quel palco con i nostri progetti inediti e non solo…frutto della voglia che abbiamo noi giovani di stare insieme, ma anche della coinvolgente voglia di aiutare gli altri.

Quando vi capiterà, speriamo almeno una volta, di vederci Su quel palco, dove più volte si sono incrociate le storie e non solo di tanti attori famosi, ma anche di tanti ragazzi come noi, potrete anche voi capire cosa proviamo, cosa vogliamo dalla vita. Non pretendiamo molto da voi, magari un sorriso che ci faccia capire che anche voi siete dalla nostra parte; magari riusciremo a cancellare tutti problemi che frullano per la testa, magari ci daremo l’un l’altro un nuovo impulso per vivere meglio.

Jill, un giovane ragazzo con il sogno di poter vedere e vivere in un mondo migliore, diverso da quello in cui vive, un mondo senza violenza, sopraffazioni ed egoismi, un mondo in cui tutta l’umanità si rifugia nei momenti difficili. Una notte, dopo essere sprofondato in un sonno profondo, si ritrova magnificamente su “un’altra luna”, precisamente in un piccolo regno ordinato da un regolamento che subito viene mostrato a Jill, da un abitante, Stroisse, con il ruolo di vigilare sugli abitanti, affinché le regole vengano rispettate da tutti. Questo regno segue la filosofia dello “yoghiri”, una pratica spirituale che ha come guida Zagabria, nonché regina del regno. Unico umano come il nostro protagonista sarà Thomas, difensore dei diritti degli abitanti, rimasto nel regno al seguito del matrimonio con Fidelia. Jill fa conoscenza con un altro abitante, Aziof, un personaggio vige alle regole, ma che si lascia persuadere da un profondo desiderio, ovvero andare sull’isola dei ricordi. Sarà proprio a causa di questo evento che Daìa un abitante vanitosa e restia nei confronti del protagonista, riesce a convincere Stroisse a mettere a giudizio di sua altezza Zagabria, la futura permanenza di Jill, difeso da Thomas e da Maia, una giovane abitante sottomessa al volere di Daìa, che durante il processo decide di ribellarsi. Un susseguirsi di eventi, metteranno in evidenza pareri contrastanti sull’importanza dei ricordi. Riuscirà Jill ad ottenere la cittadinanza lunare?

Un esilarante tuffo indietro nel tempo sino ai primi del Novecento vi condurrà in un salotto aristocratico, alquanto bizzarro e ben poco ordinario, dove intrighi e bonari complotti coinvolgono Conti e Contesse, quando un misterioso Lord arriva in città e...L'amore muove. Si. MUOVE, ineluttabile, imprevedibile, inaffrontabile. Muove fili invisibili, tanto sottili quanto straordinariamente potenti, per indurre anche umani ghiacciai a sciogliersi sotto il tepore inebriante delle sue ali. E Guglielmo lo sa. Alfio... pare essersene dimenticato! Minerva fa di tutto per negarlo. Carolina lo canta, rapita. Carlo ne è sopraffatto. Mafalda lo cerca, disperatamente. Ma Lui, chi è?!??

La commedia ha per protagonisti una coppia di omosessuali Renato e Albin – un italiano e un francese – che vivono come marito e moglie e gestiscono a Saint-Tropez un night per travestiti “La cage aux folles” (“La gabbia delle matte”), Albin è anche la stella di punta del locale, conosciuta dal pubblico con il nome di Zazà. L’italiano ha però nel suo passato una “macchia”: una relazione con una donna, dalla quale è nato un figlio, Laurent

Un viaggio nei ricordi… una giovane ragazza ripercorre un fiume colorato di pensieri e parole, che squarciano visibilmente, colpo su colpo, la sua anima: ha necessità di raccontare uno scorcio della sua vita, intravedendo fin da subito i lampi, via via più torvi e brucianti, di un dramma che cresce e matura, fino ad esplodere in tutta la sua moderna tragicità.

In una dimora abbiente degli anni ‘50, governata dalle rigide regole di un’ irreprensibile Padrona di casa, si anima di insoliti e travolgenti movimenti da quando accoglie, un misterioso Scrittore giunto come ospite per completare le sue opere e di un Detective alle prese con una stravagante servitù.

”A LETTO: A far l’amore comincia tu…” regia di Claudio Russano, uno spettacolo che, scandito da intermezzi musicali è concepito tra musica e teatro. La compagnia inaugura un nuovo progetto sperimentale, promossa dalla sceneggiatrice Silvia Putignano che ha voluto rappresentare diverse variazioni su i temi: dell’inganno, dell’intrigo, dell’equivoco, e del….. , mettendo in luce momenti esilaranti di una commedia musicale, dinamica tra passato e presente.

“Cuore contro Cuore”, storia ambientata negli anni ’60 del dopoguerra, narrerà la storia di una donna partita dalla Parigi anni ’40, abbandonata dal suo unico vero amore, un amore pesato dal senso dell’arrivismo, dal senso del successo, abbandonata al suo destino, quello di diventare una ragazza madre, che crescerà sua figlia tra incredulità, menzogne e malinconie.

In linea con i contrasti e le tensioni che contraddiscinguono il ‘900, questa sera cercheremo di rappresentare una storia d’amore nata a Parigi al Café Noir. I protagonisti della nostra storia sono Jacq, un pianista dal talento eccezionale che sognava il successo e Dahlia, un’amabile ballerina che sognava l’amore puro… Una storia animata da un profondo senso di nostalgia e di rimorsi, ma allo stesso tempo avvolta da un alone di tenerezze e amore.

“Al rogo stregone eretico, nato si represso, che le tue ceneri si disperdano con il vento e le tue mani non dissemino mai più cattiva sorte”…così terminava il primo capitolo di “Witch”, dopo la morte di Atanasio per mano delle streghe Beta, Ersilia e Zita. Ricordate… il potente stregone, grazie all’aiuto del suo fidato servo Siro, aveva architettato uno sporco piano che prevedeva di attingere dai sentmenti umaniper prolungare il sortilegio di cui era vittima che lo voleva morto allo scoccare del suo 150° compleanno se non fosse stato capace di amare e farsi amare.

Un antico sortilegio racconta che alla viligia del suo 150° anno di vita, Atanasio, il più potente stregone della terra, almeno una volta avrebbe dovuto aprire il suo cuore all’Amore. In caso contrario gli sarebbe stata negata l’esistenza è il suo corpo sarebbe ritornato alla polvere. Preoccupato dell’imminente vicinanza della ricorrenza, Atanasio esogita un nuovo diabolico piano che metterà a rischio la Vita di povere persone innocenti.

Eros e Thanatos, eterni fratelli, eterni amanti incestuosi, rettili intrecciati lascivi e tortuosi, ambigui musicanti danzanti sulla musica della follia, martiri sulle fiaccole del desiderio… O forse acerrimi nemici, in una lotta senza fine, senza vincitori e vinti, trionfanti sulla vetta dell’autodistruzione, sconfitti dall’innato senso di eternità. Eppure lo sguardo dato a questa folle realtà, l’attenzione verso una piccola cosa è tutt’uno col pensiero, è una illimitata catena di riflessioni inscindibili dal suo vivere, continui scintillii di intiuzioni sulla Vita, sull’Essere, sul Desiderio.

Un flashback continuo, un fotogramma della vita di Silvia. Il personaggio si sdoppierà in scena: Silvia adulta racconterà se stessa scrivendo un diario alla luce di una notte d’estate. Sarà allo stesso tempo attrice-spettatrice della sua vicenda, il nostalgico pretesto narrante. I ricordi si faranno spazio fino a prendere forma dinanzi a lei: in primis Silvia stessa da giovane, la sua passione per la musica, la voglia di lottare per realizzare un sogno: diventare una cantante.

E’ la storia di una giovane donna, Chiara, che visitando un mseo, viene catturata all’improvviso dal fascino di un’antica Statua e si addormena ai suoi piedi. Solo da qui comincia la vera storia. Già, perchè, lo snodarsi degli eventi successivi non sarà altro che la fenomenologia di un…Sogno, e l’essenza di questo magico contesto, l’Amore, il suo istinto, saranno l’afflato con cui la Statua prenderà via.

tạp chí gia đìnhtạp chí mẹ và bétư vấn xây nhàthời trang trẻ emdownload wordpress themes freedownload wordpress plugin freedownload magento themes free